Il Cross-linking corneale (CCL o CXL) é una metodica parachirurgica utile per curare il cheratocono (malattia degenerativa dell’occhio). Questa metodica é utilizzata in Italia dal 2005.

Nella maggior parte dei casi é in grado di evitare il trapianto di cornea.

Il trattamento é a bassa invasività e consente di rinforzarela cornea con un’azione combinata della vitamina B2 e raggi ultravioletti.

In questo modo si ottiene un aumento dei ponti molecolari che conferiscono maggiore resistenza agli strati più interni della cornea, rendendola più rigida e meno soggetta al processo di sfiancamento, che é tipico del cheratocono.

E’ importante intervenire precocemente perché il cross-Linking è in grado di arrestare l’evoluzione del cheratocono a partire dal momento in cui viene trattato.

Trattandosi di un intervento chirurgico a bassa invasività ed a bulbo chiuso i rischi di grave compromissione funzionale connessi con la chirurgia intraoculare sono esclusi.

Il trattamento non è doloroso e dura meno di un’ora.

Tutti i pazienti, anche i bambini in cui la repentina progressione della malattia consiglia una estrema precocità nel trattamento possono essere trattati con il cross linking.

Il giorno del trattamento è preferibile presentarsi con un accompagnatore, in quanto dopo il trattamento non si potrà, per ragioni di sicurezza stradale, procedere alla guida di autoveicoli.

Luigi Fusi

Author Luigi Fusi

More posts by Luigi Fusi